Mobili

rapporti paese

distribuzione

imbottiti

materassi

Contract & design

ufficio

cucina

bagno

esterni DIY

elettrodomestici

illuminazione

Worldfurniture

 

lighting

La distribuzione del mobile in Europa

Circa un quinto del consumo mondiale di mobili per la casa avviene in Europa occidentale, un mercato che conta circa 422 milioni di consumatori, con una spesa pro capite per l'acquisto di mobili superiore alla media mondiale. Quasi il 30% del consumo di mobili per la casa in Europa occidentale è soddisfatto dalle importazioni provenienti da paesi extra-WE. Secondo stime CSIL, i 15 maggiori rivenditori di mobili generano circa un terzo del valore totale del mercato dell'area, rendendo il sistema distributivo di mobili per la casa in Europa occidentale sempre più concentrato.

Furniture distribution in Europe

Pagine: 421 | Edizione: Febbraio 2018, © CSIL | Lingua: Inglese | Prezzo: Euro 2900 + IVA 22% |

Sommario

Il Rapporto CSIL Furniture Distribution in Europe, in lingua inglese, offre una analisi comparativa della distribuzione del mobile per la casa in Europa occidentale (Paesi considerati: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Olanda, Norvegia, Spagna , Svezia, Svizzera e Regno Unito) e fornisce dati sull'andamento del consumo di mobili, previsioni del mercato, quote di mercato dei canali distributivi, format distributivi, importazioni di mobili, vendite e brevi profili delle principali aziende.

Lo scopo di questo rapporto è fornire informazioni sui seguenti argomenti:

  • principali cambiamenti strutturali che interessano il settore
  • evoluzione delle quote di mercato di ciascun canale distributivo
  • caratteristiche del sistema distributivo dei mobili di ciascun paese
  • approcci e strategie della distribuzione dei mobili
  • politiche e iniziative che riguardano la concorrenza nel mercato
  • anagrafica dei principali distributori di mobili per ogni paese

La distribuzione del mobile è ripartita per canale: Distribuzione organizzata specializzata (catene, franchising, gruppi d'acquisto); Rivenditori di mobili indipendenti; Distribuzione non specializzata (grandi magazzini, fai da te, e-commerce); Altro (vendita diretta, artigiani).

Il mercato è anche suddiviso per specializzazione di prodotto: rivenditori specializzati di mobili per la casa e rivenditori non specializzati.

Il rapporto include oltre 500 indirizzi di rivenditori di mobili e gruppi di acquisto, di cui 223 con profilo dettagliato.

CSIL ha elaborato una vasta raccolta di dati per circa 270 rivenditori (tutti i principali attori che operano in Europa occidentale).

Per ciascun paese il report fornisce dati di base sull'andamento del consumo di mobili, i segmenti, le importazioni, la struttura del sistema distributivo e i profili dettagliati dei principali rivenditori di mobili che operano nel mercato.

Prodotti inclusi: mobili da cucina, mobili imbottiti, sala da pranzo e soggiorno, sedute non imbottite, camere da letto, materassi, altri mobili.

Serie storica 2007-2017 (dati preliminari) e previsioni di mercato per il 2018 e il 2019.

Indice

METODOLOGIA E SCOPO DELLA RICERCA
LA DISTRIBUZIONE DEL MOBILE IN EUROPA OCCIDENTALE
Sintesi dei dati
Performance del mercato dei mobili per la casa
- Dinamiche di mercato (indicatori macroeconomici, consumo di mobili a prezzi di fabbrica, consumo di mobili per la casa a prezzi al dettaglio, consumi privati ??e PIL, investimenti edilizi per settore)
- Panoramica per paese (consumo di mobili per la casa a prezzi al dettaglio per paese)
- Previsioni del mercato del mobile
Importazioni
- Ripartizione delle importazioni in Europa occidentale da aree extra-WE: Europa centro-orientale, Asia Pacifico e altri
- Importazioni di mobili per la casa. I principali 10 fornitori di mobili per la casa nell'area extra-WE
Mobili per la casa per segmento
- Consumo (mobili per cucina, imbottiti, camera da letto, sala da pranzo e soggiorno, materassi, sedute non imbottite)
Andamento del mercato
- Prezzi e prodotti
Canali distributivi di mobili per la casa
- Demografia delle imprese, Definizioni, Andamento dei canali distributivi, Concentrazione del mercato.
I principali rivenditori di mobili nell'Europa occidentale
- Ripartizione per paese, per format di vendita, per specializzazione di prodotto, per fascia di prezzo, per vendite online, per andamento delle vendite, per andamento della rivendita.
Selezione dei principali rivenditori di mobili in Europa occidentale
ANALISI PER PAESE: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Olanda, Norvegia, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito.
Per ogni paese considerato:
Performance del mercato del mobile per la casa
- Consumo di mobili per la casa a prezzi al dettaglio, importazioni di mobili per la casa, andamento dei prezzi dei mobili per la casa
- Consumo di mobili per la casa per segmento
Canali distributivi di mobili per la casa
Principali rivenditori di mobili
- Profili dei principali rivenditori di mobili
- Altri rivenditori di mobili che operano nel paese
Previsioni, determinanti della domanda e opportunità di mercato
Importazioni di mobili per la casa

Imprese

Amazon, Beter Bed Holding, De Mandemakers Groep (DMG), DFS, ebay, El Corte Inglés, FBD Group, Fournier Groupe, Howden Joinery, IKEA, Jb Global, John Lewis, Krieger-Gruppe, Lars Larsen Retail, Lutz Group, Maisons du Monde Group, Migros Group - Living Division, Mio Chain, Mondo Convenienza, Otto Living, Pfister Arco Holding, Porta Holding, Roche Bobois Groupe, Sainsbury's, Schmidt Gruppe, Segmüller Gruppe, Steinhoff International, Sun Capital Partners, Tessner Holding, Wren Living Ltd.
Furniture distribution in Europe (La distribuzione del mobile in Europa)

Pagine: 421 | Edizione: Febbraio 2018 ,  © CSIL | Lingua: Inglese | Prezzo: 2900 + IVA 22% |

compra on line verrai reindirizzato alla pagina di commercio elettronico di CSIL. www.worldfurnitureonline.com

ordina direttamente a CSIL

ulteriori informazioni

FONTI INFORMATIVE

Le nostre ricerche sono basate su dati rilevati mediante indagini dirette e sul database statistico CSIL. Le fonti informative utilizzate comprendono inoltre: interviste telefoniche, bilanci e profili aziendali, dati forniti da associazioni di categoria, riviste di settore e directories, dati forniti dagli uffici centrali di statistica di vari paesi.

top